“Pizza Napoletana” fatta in casa? Segui la nostra ricetta!

E’ il piatto italiano più diffuso al mondo e, certamente, uno dei più apprezzati. Parimonio dell’Unesco e dei veri intenditori di ogni sesso, età e religione. La vera bandiera della gastronomia italiana nel mondo. Insomma, parliamo di Sua Maestà.. la “Pizza Napoletana”.

In questi giorni di quarantena ci siamo tutti cimentati nella realizzazione di pizze, focacce, panzerotti.. paste ripiene e leccornie varie, ma realizzare una vera “Pizza Napoletana” a casa potrebbe nascondere delle insidie. Per questo vi  proponiamo alcuni consigli per avere un risultato eccellente in linea con la tradizione.

Innanzitutto stabiliamo cosa intendiamo per “Pizza Napoletana” in 3 semplici regole:

  1. La pizza napoletana è tondeggiante, con un diametro che non deve superare i 35cm
  2. La pizza napoletana presenta il bordo rialzato (il famoso cornicione), gonfio e privo di bruciature di circa 1-2 cm.
  3. La pizza napoletana deve essere morbida e fragrante.

 

Ingredienti per 6 pizze:
1/2 lt. Acqua
800 g farina 00
50 g olio Evo
30 gsale fino marino
15 g zucchero
12,5 g lievito birra

Condimento:
Per ogni pizza utilizziamo circa 100 g di pomodoro biologico, 100 g di mozzarella tipo fiordilatte, olio Evo e basilico fresco.

 

Preparazione: Per fare 6 panetti versate più della metà della farina nella madia (oppure in un grosso recipiente), occupandone metà dello spazio. Riempite l’altra metà con l’acqua, aggiungete il sale (dopo averlo fatto sciogliere  a parte in un bicchiere di acqua). A questo punto, mettete il lievito nella farina. Impastare il tutto con le mani evitando che si formino i grumi.

Aggiungete il resto della farina e continuate a lavorare l’impasto.
Ora mettete l’impasto sul piano di lavoro e continuate a impastare molto energicamente per 15 minuti.

Realizzate un unico grande panetto tondo e liscio e riponetelo a risposare nel contenitore o nella madia per almeo mezzora.

Ora, con l’ausilio di un coltello dividere l’impasto ottenuto in 6 panetti di circa 230 g ciascuno.

Arrotondateli lavorandoli bene con le mani e facendo fuoriuscire l’aria. Poneteli ben distanziati in un contenitore e lasciateli lievitare e maturare per un’ora in un luogo fresco.

Con l’aiuto di una spatola prendete un panetto, passatelo velocemente nella farina e adagiatelo sul piano di lavoro. Con le mani vicine, stendete l’impasto con le dita dal centro verso l’esterno, in modo che i gas si concentrino nel bordo formando un bel cornicione. Allargate la pizza con un movimento rotatorio delle mani, avendo l’accortezza di non schiacciare il bordo.

Condite con gli ingredienti a vostra scelta (pomodoro, olio Evo, mozzarella, acciughe, ecc ecc..)

Cottura nel forno di casa: Riscaldate il forno, in cui avrete già disposto la pietra refrattaria, per almeno mezz’ora a circa 250-300 °C. Fate cuocere la pizza nel forno per 4-5 minuti circa alla stessa temperatura. In alternativa alla pietra refrattaria, potete utilizzare una teglia unta di circa 30 cm di diametro.

Consiglio: se usate il forno di casa, che non raggiunge le temperature del forno a legna delle pizzerie napoletane, aggiungere una quantità minima di olio extravergine e un po’ di zucchero nell’impasto, quest’ultimo renderà la crosta più croccante e colorata.

Share