Pecorello 2017, Cantine Ippolito

Vi presentiamo un vino prodotto in purezza, da Cantine Ippolito 1845, con un vitigno autoctono calabrese del quale sentiremo sempre più spesso parlare, ovvero,  il Pecorello.  Non si conosce la presenza di questa cultivar al di fuori della regione calabrese. Si tratta di un vitigno a maturazione media (nella prima e seconda decade di settembre). Il grappolo a maturità ha dimensioni da medie ad elevate ed è lungo, di forma conica, talora con estremità arrotondata. Presenta numerose ali ben sviluppate e poco divaricate. Non è nè spargolo nè compatto. Il peduncolo è medio, di colore verde. L’acino è medio-piccolo, ellissoidale corto. La buccia è molto spessa, molto pruinosa, di colore verde giallastro, giallo ambrato o ambrato se ben esposta. La polpa è consistente, dolce e gradevole.

Il vino che ne viene fuori dalle mani sapienti della cantina Ippolito di Cirò Marina (Kr) è un prodotto dal bouquet variegato, con aromi di frutta  ed  erba appena tagliata, finale con accenni di minerale e note salmastre. Al palato è secco e fresco, equilibrato e di buona persistenza.

Denominazione vino: Pecorello

Designazione: I.G.T. Calabria bianco

Produttore: Cantine Vincenzo Ippolito (Calabria)

Anno vendemmia: 2017

Titolo alcolometrico: 13 %

Vitigno: Pecorello 100%

Vinificazione: Vendemmia manuale i primi di settembre, decantazione statica a freddo, fermentazione in acciaio inox a temperatura controllata, affinamento sempre in acciaio fino afine gennaio.

Temperatura di servizio consigliata: 10-12°

Fascia di prezzo: 10-12 Euro circa (bottiglia da 0,75 l)

Abbinamenti consigliati: Gamberoni ai ferri

Degustazione: Giallo paglierino di media intensità. Riflessi dorati. Al naso è pulito di buona intensità. Risaltano fiori bianchi e frutti a polpa gialla (pesca, albicocca).. In bocca è di ottima acidità e di corpo pieno. Robusta sapidità e persistenza. Nota minerale.

 

Cantina
Era il 1845 quando Vincenzo Ippolito impresse le proprie iniziali sul casolare di campagna nella marina di Cirò tra vigneti, uliveti ed aranceti. In un’agricoltura molto variegata, la vite inizia ad avere un ruolo importante, benché il consumo del vino fosse prettamente locale.
Oggi l’azienda vanta oggi 14 etichette presenti in 4 continenti. La valorizzazione dei propri vitigni autoctoni, la tutela del territorio, il rispetto delle tradizioni, della natura e delle sue biodiversità sono i punti cardini di una storia d’amore nata oltre 160 anni fa e destinata a durare ancora per molto tempo.

Con oltre 160 anni di storia, la cantina Ippolito rappresenta la più antica realtà vinicola oggi esistente in Calabria. Ubicata nel centro storico di Cirò Marina, cuore della viticoltura calabrese, l’azienda include una tenuta agricola di oltre 100 ettari, distribuiti tra dolci colline e soleggiate pianure a ridosso del mar Jonio, situati nella zona classica del Cirò. Da sempre la mission aziendale è il recupero e la valorizzazione dei vitigni autoctoni quali il Gaglioppo, il Greco Bianco, il Calabrese e in ultimo il Pecorello. Attraverso la costante ricerca, l’impiego di tecniche innovative, il diretto controllo di tutti i processi produttivi, ricerchiamo nei nostri vini l’eleganza, l’esclusività e l’identità con il proprio territorio. Una sfida affascinante affrontata nel segno della qualità assoluta. Oggi l’azienda vanta 14 etichette presenti in 4 continenti, un dato che più di ogni altro conferma un rilevante dinamismo imprenditoriale.

La superficie vitata dell’azienda è formata da tre tenute situate nel cuore della DOC Cirò: Mancuso, Feudo e Difesa Piana, per un’estensione complessiva di circa 100 ettari. Il sistema di allevamento adottato è prevalentemente il cordone speronato orizzontale, una piccola parte ad alberello alto. Al fine di ottenere una maggiore qualità delle uve, il sesto d’impianto presenta una densità di 5.600 piante per ettaro (mt 2,20 x 0,80) e le rese variano tra i 50 e gli 80 quintali ad ettaro, con una produzione per vite di 1-1,5 kg. Le più importanti operazioni in vigna sono svolte rigorosamente a mano. Le lavorazioni del terreno ridotte, per preservare fertilità e biodiversità del suolo. I vitigni coltivati sono solo autoctoni, vero patrimonio di Calabria.

Cantine Vincenzo Ippolito
Via Tirone, 118
88811 Ciró Marina (KR)

Share