L’Atto, piacevole compromesso

È la realizzazione di un vincente progetto di valorizzazione del vitigno Aglianico da parte di Gerardo Giuratrabocchetti.

Il recupero di antiche cantine scavate nel tufo vulcanico e la scelta di vigneti tutti di età superiore ai trent’anni, sono state scelte vincenti per un incontro tra tecnologia e tradizione.


Denominazione vino: L’Atto

Designazione: I.G.T.

Produttore: Cantine del Notaio (Basilicata)

Anno vendemmia: 2013

Titolo alcolometrico: 13,5%

Vitigno: Aglianico del Vulture

Vinificazione: macerazione di circa 5-6 giorni e vinificazione a temperatura controllata in acciaio inox. Segue maturazione: in grotte naturali di tufo vulcanico, in carati o tonneaux di rovere francese, per un periodo di almeno 12 mesi.

Temperatura di servizio consigliata: 16°

Fascia di prezzo: 09-13 Euro

Abbinamenti consigliati: Agnello alla brace con contorno di patate al rosmarino e cipolla di Tropea.

Degustazione
Si presenta rosso rubino con riflesso granato. Al naso è pieno,  una disinvolta scia di ciliegia sotto spirito e marasca. Abbastanza consistente. In bocca è pulito, con una carica tannica di fondo che, ad ogni sorso, lo rende sempre più piacevole. La nota acida lo rende gioviale e spensierato.

Cantina
L’azienda vitivinicola Cantine del Notaio ha sede a Rionero in Vulture alle pendici del Vulcano ormai spento “Vulture” in provincia di Potenza. La passione per la viticoltura è antica nella famiglia Giuratrabocchetti e si tramanda da generazioni. E’ da questa tradizione che nasce, nel 1998, l’azienda Cantine del Notaio, quando Gerardo Giuratrabocchetti, laureato in Scienze Agrarie, raccoglie, con la moglie Marcella, la sfida di valorizzare l’Aglianico del Vulture coltivato nelle proprie vigne, unendo tradizione, innovazione, storia e cultura del territorio.

Cantine del Notaio 
Via Roma, 159 – 85028 Rionero in Vulture (Pz)

Share