Sana e semplice: la frisella con pomodoro

Una leggenda afferma che le “friselle” siano state portate da Enea quando sbarcò a Porto Badisco, vicino Otranto (Puglia). Un tempo, proprio in Puglia, prima di mangiare la frisella si era soliti bagnare quest’ultima direttamente nell’acqua di mare, consumandole così da gustare proprio tutti i sapori di questa regione.

I pescatori di un tempo utilizzavano le friselle come un pane da portare con sé a lavoro e bagnare proprio con l’acqua salata, usandolo poi come fondo per le zuppe di pesce.

La frisella, si presenta come dal punto di vista estetico come una ciambella biscottata, prodotta con grano duro ma anche orzo o combinati tra di loro, è ottenuta grazie ad una doppia cottura eseguita in forno (bis-cotto).

L’impasto della Frisella, costituito da farina, acqua e sale è del tutto simile a quello del pane ma con un 10 % in meno di acqua. Per le friselle di grano duro e di orzo viene tradizionalmente utilizzato il lievito madre, in ragione di 200-220 grammi per ogni chilo di farina, l’impasto viene allungato lavorandolo sul tavoliere quindi diviso in tratti ognuno dei quali viene a sua volta allungato e riunito a cerchio in modo da formare delle ciambelle senza buco dal diametro oscillante  tra gli 8  e i 15 cm.

Queste, dopo essere state lasciate a lievitare, vengono sottoposte ad una prima cottura in forno di pietra. Una volta cotte, vengono estratte dal forno e spaccate in due secondo l’asse mediano.

Vi proponiamo una preparazione tipica delle friselle, accompagnate da pomodori stagionali e basilico fresco.


Ingredienti per 4 persone:
n. 4 Friselle di grano duro o di orzo
n. 3 pomodori
sale q.b.
origano
basilico

Preparazione: Per iniziare la preparazione, la frisa ha bisogno di essere imbevuta in acqua: da qui dipende tutto. In base a come la si vuole gustare meglio, più croccante o morbida, la si deve lasciare in acqua, per circa 30 sec o 1 minuto. Personalmente vi consiglio di prenderle ad una ad una e di bagnarle direttamente sotto un filo di acqua, pertanto, state attenti a non bagnare molto la frisella per evitare di perdere tutta la sua croccantezza.

Una volta accomodate sul piatto strofinate delicatamente dell’aglio sui bordi della Frisella.

Ritiratele e in ordine stendete olio Evo e sale. Sistemate i pomodorini tagliati sopra la Frisella in modo da far uscire i semini e alla fine spolverate con  l’origano.

Aggiungere il basilico fresco in foglie.

Share